Chi siamo

L’Ecomuseo delle Erbe Palustri è un istituto culturale del Comune di Bagnacavallo, situato in un ex edificio scolastico completamente rinnovato, in Via Ungaretti 1, nella frazione di Villanova. Risponde funzionalmente alla Direzione dei Musei Civici di Bagnacavallo con sede in Via Vittorio Veneto 1, dove si trovano le raccolte d’arte e gli uffici del Servizio Cultura dell’Unione intercomunale Bassa Romagna.

La gestione dell’Ecomuseo è affidata, tramite convenzione, all’Associazione culturale senza fini di lucro Civiltà delle Erbe Palustri, che fin dal 1985 ne ha sviluppato le raccolte, promosso le attività didattiche e museali nella sede precedente, sempre di proprietà pubblica,.

Le raccolte fin qui acquisite superano i 2.500 reperti, descrivibili in prodotti dell’intreccio, in tessiture, trame e manufatti realizzati con le erbe spontanee fornite dall’ambiente vallivo di prossimità e dalle varie lavorazioni di legni dolci come il salice e il pioppo, usati per gabbie e sedie rustiche.

Ecomuseo+46

Il ruolo dell’Associazione di volontariato, con le sue iniziative di ricerca e salvaguardia dei saperi tradizionali, è stato decisivo nel radicamento sul territorio, ai fini della partecipazione e della responsabilità ambientale che un Ecomuseo deve assolvere.

L’Assessorato alla Cultura, e i suoi funzionari, seguono con attenzione l’assetto museale e le ricadute turistiche che molte delle attività sviluppate dall’Ecomuseo producono, mentre l’Associazione gode di una propria autonomia gestionale nell’organizzare sagre, mercatini, progetti di educazione ambientale, allestimenti temporanei e la raccolta di testimonianze della cultura materiale tra la comunità locale.